Chiudi
Home App Guida TV
Canali Digitale Terrestre Canali Sky Canali Mediaset Pomeriggio in TV Programmi tv di ieri Film ieri sera in tv
Stasera in TV Film prima serata Serie TV Calcio
Serie A Calendario Partite Champions league Calendario Partite Europa league Calendario Partite Mondiali Calendario Partite Europei Calendario Partite Coppa Italia Calendario Partite Uefa Nations League Calendario Partite
Altro
Film popolari Serie Tv popolari Formula 1 Moto Gp Grande Fratello
Get it on Google Play Get it on iTunes
Oggi in TV
film Anche io Sky Cinema 2

Anche io

Anche io
Dramma
Storia
Carey Mulligan, Zoe Kazan e Patricia Clarkson nella pellicola prodotta da Brad Pitt sulla nascita del movimento #MeToo. Due giornaliste smascherano il sistema di abusi sessuali a Hollywood (USA 2022).

Canale

Sky Cinema 2

Giorno

sabato 25 novembre 2023, 22:50

Durata

140'

Titolo originale

Anche io

Paese

Stati Uniti d'America

Anno

2022

Regia

Maria Schrader

Descrizione

Anche io (She Said) è un film del 2022 diretto da Maria Schrader.

Trama

Nel 2017 la giornalista del New York Times Jodi Kantor riceve una soffiata secondo cui l'attrice Rose McGowan è stata aggredita sessualmente dal produttore Indiewood, Harvey Weinstein. McGowan inizialmente rifiuta di commentare, ma in seguito richiama Kantor e descrive un incontro in cui Weinstein l'ha violentata quando aveva 23 anni. Kantor parla anche con le attrici Ashley Judd e Gwyneth Paltrow, che descrivono i propri incontri sessuali con Weinstein, ma entrambe chiedono di non essere nominate nell'articolo per paura di un contraccolpo di carriera. Frustrata dalla mancanza di progressi nelle sue successive indagini, Kantor recluta Megan Twohey per aiutarla con il pezzo. Twohey rintraccia una donna che ha lavorato come assistente di Weinstein alla Miramax decenni fa ed è scomparsa; la donna si rifiuta timorosamente di parlare per aver firmato un accordo di non divulgazione. Kantor affronta l'ex direttore finanziario della Miramax sui precedenti pagamenti di Weinstein contro le sue accusatrici, ma esita a divulgare qualsiasi informazione al riguardo. Allo stesso modo Twohey viene rifiutata dall'EEOC dopo aver richiesto maggiori informazioni su questi pagamenti. Twohey parla con un ex membro dell'ufficio del procuratore distrettuale del motivo per cui le denunce penali contro Weinstein sono state archiviate così rapidamente; scopre che Weinstein aveva legami sociali con l'ufficio del procuratore distrettuale. Kantor riceve una soffiata su tre ex assistenti di Weinstein che potrebbero aver subito abusi: Rowena Chiu, Zelda Perkins e Laura Madden. Kantor viaggia per incontrare ciascuna di loro individualmente; non è in grado di incontrare Chiu, ma Perkins racconta un incidente in cui Chiu ha avuto un crollo psicologico a causa di un incontro sessuale con Weinstein. Madden inizialmente rifiuta di parlare con Kantor, ma cambia idea dopo che una rappresentante di Weinstein la invita a non parlare ai giornalisti della sua esperienza. Weinstein viene a sapere delle indagini e invia un avvocato per tentare di placare i giornalisti, ma rifiuta di andare a verbale e nega ogni illecito. L'avvocato riconosce una serie di accordi finanziari passati, ma rifiuta di dire quanti. Kantor riceve una soffiata anonima per parlare con Irwin Reiter, uno degli ex contabili di Weinstein; lui le mostra una circolare circolata alla Miramax nel 2015 che descrive in dettaglio le accuse di abuso da parte di un ex dipendente. Il Times informa il consiglio della Weinstein Company dell'imminente articolo e chiede una dichiarazione. Weinstein nega le accuse e fa pressioni sulle giornaliste affinché citino le loro fonti, minacciando di parlare con altre pubblicazioni per screditare la storia. Weinstein alla fine rilascia una dichiarazione in cui riconosce di aver causato dolore ad altri in passato e che sta prendendo un congedo dalla Weinstein Company. Kantor e Twohey tentano di convincere le loro fonti a parlare ufficialmente. Tutte inizialmente non vogliono, ma Judd e Madden in seguito accettano di essere nominate nell'articolo, credendo che sia la cosa giusta da fare. Il Times pubblica la storia il 5 ottobre 2017. Dopo la pubblicazione dell'articolo, 82 donne si fanno avanti con le proprie accuse contro Weinstein, portando a riforme legali e sul posto di lavoro. Weinstein sta attualmente scontando una condanna a 23 anni per stupro e violenza sessuale a New York, con ulteriori accuse in sospeso.
Scarica Oggi in TV
App Oggi in TV
Get it on Google Play Get it on iTunes