Chiudi
Home App Guida TV
Canali Digitale Terrestre Canali Sky Canali Mediaset Pomeriggio in TV Programmi tv di ieri Film ieri sera in tv
Stasera in TV Film prima serata Serie TV Calcio
Serie A Calendario Partite Champions league Calendario Partite Europa league Calendario Partite Mondiali Calendario Partite Europei Calendario Partite Coppa Italia Calendario Partite Uefa Nations League Calendario Partite
Altro
Film popolari Serie Tv popolari Formula 1 Moto Gp Grande Fratello
Get it on Google Play Get it on iTunes
Oggi in TV
intrattenimento Music box s1e6 Sky Arte HD

Music box s1e6

Music box s1e6
S1 Ep6 DMX: Don't Try to Understand - Una raccolta di sei documentari che esplorano i momenti cruciali nel mondo della musica. Il sesto episodio segue la vita del rapper Earl DMX dopo la prigione. Prox Ep. 29 nov 07:45. Rep. 27 nov 08:00

Canale

Sky Arte HD

Giorno

giovedì 05 ottobre 2023, 19:15

Durata

95'

Titolo originale

Music Box - Prova d'accusa

Paese

Stati Uniti d'America

Anno

1989

Regia

Costa-Gavras

Descrizione

Music Box - Prova d'accusa (Music Box) è un film del 1989 diretto da Costa-Gavras.

Trama

La famiglia Laszlo, di origine ungherese da sempre residente a Chicago, viene sconvolta quando l'anziano Mike viene accusato di essere il criminale di guerra nazista "Mischa", responsabile di omicidi e stragi nell'Ungheria degli anni 40. Sua figlia Ann Talbot, in passato al servizio dell'Office of Strategic Services proprio durante la seconda guerra mondiale ed ex moglie del figlio di un illustre avvocato, è lei stessa un avvocato ed accetta di difendere personalmente il padre che si dichiara vittima di un complotto comunista. Anche l'opinione pubblica comincia naturalmente a interessarsi del caso e, mentre gruppi di attivisti iniziano sit-in di protesta davanti a casa Laszlo, altri manifestano il loro sostegno all'imputato ritenendolo vittima di una messinscena allestita dal governo ungherese. Mike è costretto a rivelare alla figlia avvocato di essere stato in servizio nella gendarmeria ungherese ma di aver svolto esclusivamente mansioni d'ufficio poiché ostile agli affiliati delle croci frecciate (l'organizzazione filo nazista), sostenendo di non aver mai partecipato ad alcun crimine; ammette inoltre di essere espatriato illegalmente dall'Ungheria mentendo sulla propria identità ma solo per sfuggire alle persecuzioni contro i membri della gendarmeria perseguitati dopo la caduta del fascismo e la venuta del comunismo. Ha inizio il dibattimento, che vede sfilare i testimoni venuti da Budapest. Una teste afferma che un giorno Mischa e un suo compagno fermarono una donna per strada accusandola di essere ebrea e al suo diniego la uccisero comunque insieme al suo bambino. Un altro teste racconta di essere sopravvissuto ad una terribile esecuzione al ghetto di Budapest da una squadriglia nazista insieme a Mischa, che lo fece legare con del fil di ferro ad altre due persone e gettati nel fiume. Infine una donna racconta di come venne avvicinata, ancora adolescente, da Mischa e dagli altri, rapita e condotta a forza in una stanza dove fu violentata a turno e successivamente costretta, in mezzo alla neve, a fare delle flessioni sopra una baionetta. Il processo, ampiamente seguito dai mass media, viene inevitabilmente spostato sul versante politico: i tre testimoni chiave vengono screditati perché iscritti al partito comunista o con parenti iscritti al partito; il giudice accoglie frequentemente le obiezioni della difesa respingendo quelle dell'accusa e infine si trova un teste che racconta di come il KGB avesse dato vita all'Operazione Arlecchino che consisteva nel creare documenti falsi per screditare persone sgradite. Poiché Mike Laszlo, cinque anni prima, si era "fatto notare" per aver contestato pubblicamente un balletto ungherese in tournée in America, si ipotizza che sia vittima di tale macchinazione anche quando vengono prodotte prove documentate che lo considerano affiliato al nazismo. Ann viene tuttavia a sapere dalla sua assistente investigativa che suo padre ha inviato molti soldi a un uomo caratterizzato da una vistosa cicatrice, il quale potrebbe essere proprio l'amico di cui parlano i testimoni e l'unica ipotesi che appare plausibile è che questi abbia continuato a ricattare per diverso tempo Mike Mitscha Laszlo. L'ultimo atto dell'inchiesta prevede una trasferta a Budapest per interrogare sul posto il quarto testimone, impossibilitato a muoversi per motivi di salute. Ann riesce a delegittimarlo e l'avvocato dell'accusa, che si sta avviando a perdere la causa, parla per l'ultima volta con lei, esortandola ad avere almeno dei dubbi, che comunque già nutre. La donna si reca al "ponte delle catene" e in altri luoghi della memoria e fa visita alla sorella dell'amico del padre; in una fotografia appesa alla parete vede che il fratello aveva la vistosa cicatrice sul volto descritta dai testimoni. L'anziana le consegna la ricevuta di un banco dei pegni di Chicago, chiedendole di riscattarvi un oggetto. Una volta tornata in America, ormai in preda ai dubbi, Ann si reca al banco dei pegni per ritirare quell'oggetto: è un carillon, e dopo averlo azionato trova al suo interno delle foto che ritraggono suo padre accanto alle vittime delle violenze della sua squadra della morte. Traumatizzata, lei stessa decide di riaprire il caso, consegnando le fotografie all'avvocato come prova d'accusa contro il padre che però, posto davanti all'evidenza, perde la consueta bonarietà e riassume l'antica arroganza, minacciando la figlia, che si rifiuta di fargli rivedere il nipotino. Pochi giorni dopo, le prime pagine dei quotidiani riportano le immagini e il nuovo stato d'accusa e Ann decide di spiegare a suo figlio tutta la verità, per quanto dolorosa possa essere.
Scarica Oggi in TV
App Oggi in TV
Get it on Google Play Get it on iTunes